The Fourth Kind. Non cascateci anche voi.

TheFourthKind09-11-4Ok. Ci sono cascato un’altra volta. Che ci volete fare?
“Tratto da una storia vera”, “Found footage”, “Fenomeni paranormali” e soprattutto la parola che mi fa cadere sempre in tentazione: “UFO”. Bastava pensarci un attimo per capire che guardare questo film sarebbe stata una perdita di tempo, purtroppo non riesco a resistere a questi guilty pleasures.

Il secondo film di Olutande Osunsanmi (non male come nome, si ricorda bene) è l’ennesimo tentativo di fare paura facendoci credere che quello che stiamo vedendo sia veramente accaduto. L’assurdo di questo film è che il regista utilizza due trame parallele. Una è la drammatizzazione della “storia vera” con Milla Jovovich come protagonista e l’altra è la “storia vera”, con frammenti di found footage e registrazioni che vogliono farci credere amatoriali ma che sono evidentemente una farsa. Così, il regista, non soddisfatto di offrirci il suo prodotto una sola volta ci regala questo assurdo gioco di specchi con l’intenzione (mai raggiunta) di farci entrare in panico.

La storia è quella della dottoressa Tyler che, attraverso l’ipnosi, indaga strani avvenimenti nel paesino di Nome, Alaska. Il Quarto Tipo, come ben sapranno gli ufologi esperti, non è altro che l’ultima fase di contatto con forme di vita extraterrestri. Un incontro del primo tipo è l’avvistamento di un UFO; il secondo tipo si riferisce all’osservazione di fenomeni fisici provenienti dall’UFO (vedi cerchi nel grano, paralisi o interferenze); il terzo tipo è l’osservazione di “esseri animati” provenienti dall’UFO (vedere un extraterrestre in poche parole) e il quarto tipo (che il film vuole mostrarci) è quando un essere umano viene rapito da un UFO.

Chi si aspetta di vedere navicelle e alieni si astenga del vedere questo noioso film. Come già succedeva in film come “Paranormal Activity” o “The Blair Witch Project“ lo spettatore potrà solo vedere gente spaventata, reazioni idiote, lampadari in movimento e ascoltare lingue morte e frastuoni inaspettati.

Basta leggere Dylan Dog per avere più brividi che in questo film.

Voto Churitza: 4/10

Annunci

Informazioni su Churitza

Immersi nella cultura pop sin dal primo giorno di vita, Azione Culturale siamo noi.
Questa voce è stata pubblicata in At the Movies e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...