Un Amour de Jeunesse. Nuova nouvelle vague.

Grande protagonista nei Festival di Locarno e Gijòn, “Un amour de jeunesse” è un delicato esercizio cinematografico sull’amore adolescente e l’evoluzione psicologica di Camille, la ragazza parigina protagonista del film.

Lola Créton è Camille, una quindicenne francese innamorata pazza di Sullivan (un contenuto Sebastian Urzendowsky), un ragazzo un pò più grande di lei che ha voglia di trovare se stesso e scappare dalla capitale francese.
Una storia d’amore normale, di quelle che un pò tutti abbiamo vissuto. Un amore esagerato dall’ottica fatalista adolescenziale dove i sentimenti sono la cosa più importante del mondo, tutto il resto non importa.
E così, Mia Hansen-Love, che già con “Le pere de mes enfants” si era fatta un posto tra i migliori e piu promettenti registi giovani europei, dimostra avere le idee chiare sul come fare cinema, uno stile personale e delicato che ci fa navigare tra i sentimenti più comuni dell’essere umano.

Nel film è facile vedere come la Nouvelle Vague abbia un importante ruolo come fonte di ispirazione (difficile non ricordarsi di “Jules et Jim”) , con un ritmo pausato e “poco cinematografico” senza però diventare una semplice copia a modo di omaggio (si veda il caso di The Artist, per esempio). Qui, la regista, crea un film completamento suo.

Le localizzazioni sono magnifiche e l’uso del linguaggio non verbale è magistrale; sguardi, movimenti di camera e metafore visuali creano un’onda di emozioni che delicatamente, senza urlare, ti porta da una parte all’altra.

Sicuramente non avrà un successo di pubblico enorme ma questo amore di gioventù è imprescindibile per qualsiasi amante del miglior cinema europeo.

Annunci

Informazioni su Churitza

Immersi nella cultura pop sin dal primo giorno di vita, Azione Culturale siamo noi.
Questa voce è stata pubblicata in At the Movies e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Un Amour de Jeunesse. Nuova nouvelle vague.

  1. Pingback: THE VERY BEST OF 2012!! | Los de la Bici

  2. Pingback: La Vie d’Adèle. La favolosa storia d’amore di ognuno di noi. | Los de la Bici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...